sesso di coppia

La sessualità della coppia dopo l’arrivo di un figlio

La sessualità in una coppia fissa (permettetemi di chiamarla così!) ha generalmente modi e tempi ben definiti.

La nascita di un figlio è un evento talmente sconvolgente da scuotere non solo gli equilibri personali degli attori della coppia, ma anche l’assetto della coppia stessa.

Neo mamme e nuovi ritmi di vita

Per quanto rodata possa essere stata una coppia prima del lieto evento, dopo questo i genitori devono far fronte a certi cambiamenti necessari: gli spazi e i tempi a disposizione di ciascuno dei due sono dettati dalle necessità del piccolo nuovo arrivato.

Le madri si vedono catapultate, da un giorno all’altro, in un nuovo mondo di sensazioni, emozioni e orari completamente nuovi.

Soprattutto i primi mesi dopo il parto, ci dimentichiamo cosa sia una notte di sonno filato, cosa voglia dire farsi una doccia rilassante, depilarsi, farsi una piega.

In questo periodo ci sentiamo sempre meno desiderabili e siamo completamente assorbite dalla cura dei nostri pargoli.

Ed il sesso?  Ahi ahi…la sessualità diventa un tasto dolente per molte coppie.

Per un po’ i nostri uomini se ne stanno, proprio per le nuove condizioni di vita a cui ci vedono costrette: riconoscono i nostri sbalzi ormonali, ci vedono prendere sonno con gli stessi ritmi, assurdi, dei nostri figli, sopportano la nostra conseguente trasandatezza.

Poi i pargoli crescono e, normalmente, cominciano a staccarsi, a volte con qualche aiutino da parte dei genitori (ad esempio, come nel momento in cui devono esser aiutati ad andare a dormire in camera loro).

Tuttavia molte coppie, anche quelle che erano più focose prima del lieto evento, non riprendono, in tempi ragionevoli, la loro normale attività sessuale.

Mariti in astinenza, figli scudi sessuali

Inizialmente molte donne hanno paura di sentire dolore all’atto della penetrazione. Lo sappiamo bene, il parto non è mai una passeggiata!

Siamo sempre stanche, impegnate costantemente nella cura di quella personcina che ha decretato che la nostra coppia fosse diventata una famiglia.

Tutte motivazioni oggettive, ma a scadenza.

Quando il pupo comincia ad avere un anno, quelle motivazioni non hanno più grande fondamento.

Molto semplicemente tante donne perdono interesse alla sessualità sentendosi completamente realizzate nel ruolo materno. E solo su quello si concentrano.

Ecco che, spesso, inconsapevolmente, alcune donne utilizzano il “dover” far dormire il figlio nel lettone come una scusa, perfetta ed inattaccabile, per l’indisponibilità verso il proprio uomo.

E la cosa diventa presto un’abitudine. I figli diventano lo scudo sessuale delle loro madri.

Ma, diciamocelo, i mariti non sono molto d’accordo!

Meno ci si concede ai propri uomini, più l’affiatamento di coppia si incrina e, più questo accade, più la coppia entra in crisi.

Per coloro che si riconoscono in tale quadretto, non disperate! Anche se non sembra, è una situazione che si presenta molto spesso.

Il mio consiglio è di non fossilizzarsi nel ruolo di madre come unico modo di manifestare la propria femminilità: occorre ritrovare la moglie che è in noi, far uscire la panterona che, sicuramente, siamo state quando si trattava di rimanere incinte.

La femme fatale perduta

E dai!!!! Lo abbiamo fatto tutte!

Uomini increduli, costretti ai lavori forzati tra le lenzuola, a tenere ritmi sessuali mai sperati, con quel sorriso compiaciuto stampato sul viso (almeno per i primi tempi!!!!).

Noi, d’altro canto, abbiamo indossato biancheria intima di mille colori e forme, e provato pose provocanti, magre come non mai.

Dove sono finite tutte ste “femmes fatales”!!!????

Il sesso è un elemento importantissimo per la coppia, non dimentichiamolo.

Oltre a fare bene al fisico e alla psiche, serve a mantenere sane le nostre relazioni e, diciamolo, è uno dei piaceri della vita.

Ritrovare se stesse

Non dimentichiamolo. Dentro di noi sono presenti la “donna”, la “moglie” e la “madre”, tre parti di noi che si intersecano l’una con l’altra e che devono convivere tra loro, ma occupando lo stesso spazio.

Diventare madre succede da un giorno all’altro. Ma noi dobbiamo imparare ad esserlo. Per questo, i primi mesi, siamo istintivamente così dedite alla cura di nostro figlio, ed investiamo in questo così tanto tempo e tante risorse: ci dobbiamo allenare!

Ed è giusto così.

Ma occorre anche reagire e non dimenticarsi troppo a lungo della “donna” e della “moglie” perché queste due componenti della nostra personalità sono necessarie tanto quanto quella materna.

Una volta che ci siamo rodate nel ruolo di madre, torniamo a dedicarci anche alla cura di noi stesse, vogliamoci più bene, troviamo il modo, insieme ai nostri partner, di creare momenti di coppia.

Sessualità della coppia
Momenti di coppia

La nostra vita sarà più completa e, oltre a guadagnarci noi in prima persona, vedremo rifiorire la nostra relazione dopo quello che è da considerarsi un fisiologico calo di sprint.

Se noi siamo più rilassate – ed il sesso aiuta, è scientificamente provato!!! – lo sappiamo bene, e lo sanno benissimo anche i nostro compagni, siamo meno isteriche. Di conseguenza, avremo più pazienza con i nostri figli e saremmo più serene con i nostri uomini.

Il sesso è una delle componenti irrinunciabili in una coppia. Non si tratta solo di sequenze di gesti focosi o di pose da Kamasutra impossibili.

Sesso è intimità, condivisione, fiducia, sapersi lasciar andare, compiacere, etc…

Ricordiamocelo sempre: se una donna può fare a meno del sesso (così si dice; io ci credo proprio poco, sono sincera!!!!), beh,  di sicuro un uomo non ne è capace!!!!!

E allora, donne!!!!!…. non fate in modo che il vostro uomo vada a caccia mentre voi cambiate pannolini o, tanto meno,  più avanti, mentre portate il frutto dei suoi lombi a fare danza!!!!

Non affamiamoli sti uomini, dai!!!!

DHW panterone alla riscossa!!!!

 

 

 

Lascia un commento