Io e la legge di attrazione

Alzi la mano chi ne ha sentito parlare almeno una volta! Quanto mi affascina la legge di attrazione! Da quando l’ho scoperta, leggo e rileggo articoli che ne parlano! Ora, quante come me fanno la stessa cosa? Quante hanno provato a metterla in pratica?

Io, a dire il vero, pur avendo raccolto molte informazioni in merito, avevo poche idee e pure confuse. Insomma non ci avevo capito una mazza.
Dopo un pò di prove e di scambi di opinioni con amiche, mi sono fatta la mia idea.
Ed eccomi qui a raccontare la mia esperienza con la legge di attrazione!

Ma cos’è la legge di attrazione

Allora, dovrebbe funzionare così: tu desideri una cosa, ma deve essere un desiderio che ti parte da dentro, dal profondo ed è un desiderio forte e puro. Devi pensare di meritarlo ed emanare, desiderando, solo energia positiva: quindi no paranoie e nessuna paura di ciò che succederà dopo e, soprattutto, no autostima, no party!

Altra postilla è che devi credere che si realizzerà, sempre e comunque, pensarlo come se già fosse reale.

E, come se non bastasse, “condicio sine qua non” è che il tuo lato inconscio deve essere d’accordo con il conscio. Facile, eh?

Tu lo desideri, lanci quel messaggio qua e là all’universo e l’universo lo rimanda a te.

Al che ti chiedi:”e come faccio??? Se finora ho avuto delle convinzioni dettate dal mio inconscio che hanno attratto nella mia vita sempre le stesse cose, come faccio a cambiare le mie convinzioni irrazionali???”

La risposta arriva dal web come un rapido corso online: eh niente, devi modificarle giorno dopo giorno, ripetendo a te stessa che ciò che desideri

  1. lo meriti
  2. avrà solo risvolti positivi per te
  3. hai tutte le carte in regola per ottenerlo
  4. è già tuo

Il tutto condito da meravigliose immagini! Già perché c’è chi dice che l’inconscio capisce solo quello che visualizzi, ma poi anche chi sostiene che devi ripetere nella tua mente pensieri positivi evitando accuratamente, mentre lo fai, di mettere il “non” davanti alle frasi (es. non devi dire “non voglio stare male”).

Allora, immagini o parole??? (ecco chi ci capisce in questo turbinio di informazioni è davvero bravo).

E poi ricordati di ripeterti quanto ti vuoi bene e di ringraziarti sempre per gli sforzi che fai per te stessa: è la chiave per ottenere tutto!

Ok, ci provo.

legge di attrazione

Parte l’opera di convincimento del mio conscio al mio inconscio.

Conscio: “Toc toc, ehilà, ci sei? Non fare così il misterioso! Io sono l’altra, la parte razionale!

“Mi serve un favore: dovresti desiderare fortemente una cosa per me. Sai ci tengo davvero tanto, e credimi, ci tieni anche tu! Lo voglio, lo vuoi. Lo vogliamo davvero tanto!”

Inconscio: -silenzio-

Conscio: “Cavolo, ma mi credi? Perché non mi dici niente? Fidati, ti ho detto che lo voglio per cui anche tu lo vuoi! Hai capito?”

Inconscio: -silenzio-

Conscio:”Lo sai che ti amo?” (non è vero, vorresti strozzarlo perché ti marcia sempre contro)

Inconscio: -silenzio-

Conscio:”Ok, non è vero, mi fai sempre incazzare, ma non ti sembra il momento di fare la pace? Dobbiamo essere uniti noi due”

Fidati di quello che dico?! Lancia sto messaggio all’universo e piantala di credere che sono una deficiente!

Ecco, hai appena realizzato che ti stai dando della deficiente, che l’inconscio non ti risponderà mai, perché appunto è inconscio e che lo stai ulteriormente convincendo che sei una deficiente.

Reset – Altro tentativo

Conscio (molto timidamente):”Ciao, sono io… Lo vedi quello che desidero? Guarda come sto bene, sdraiata sul lettino in una fighissima spiaggia delle Bahamas dove trascorrerò un mese di puro relax”

Inconscio: -sempre silenzio-

Conscio:”Volevo ringraziarti per tutto quello che hai fatto finora per me e per quello che ancora farai…”

Inconscio: -ancora silenzio-

Conscio:”So che mi senti, so che lo sai, so cosa vuoi. Sappi che sono pienamente d’accordo con te!”

Inconscio: -silenzio-

Conscio: “?” “ce l’avrò fatta stavolta?”

No.

Poi vai avanti per giorni e giorni a trapanarti il cervello con: “io ce la faccio”, “io posso”, “lo merito”, “io posso”, “lo merito”, “io ce la faccio”, “lo merito”, “posso”, “sono in gamba”, “posso”, “ce la faccio”……………. Aaaaaaaaaahhh!

E quindi intanto il tempo passa e ti chiedi se stai facendo tutto nel modo giusto. Non hai risposte chiare e non sai se sei più fuori tu a fare prove o chi scrive manuali sulla legge di attrazione. E non arriva mai una cippa.

Ok, l’autostima e il volersi bene sono molto importanti, sono d’accordo, ma devono essere un’evoluzione naturale, una crescita personale. Sono da costruire giorno dopo giorno, senza la fissa di doverti cambiare i connotati a tutti i costi.

La legge di attrazione | Come funziona secondo me

Scrivono articoli o mettono video spiegandoti di agire sulla tua parte razionale, di controllare i tuoi pensieri e controllare il tuo inconscio come fosse la ricetta della carbonara.

Adesso faccio anch’io quella che da la ricetta online del benessere:

Ingredienti:

  1. Intuizione (hai presente quando dici: “lo sapevo!” Ecco, quella è l’intuizione)
  2. Autostima
  3. Forza di volontà

Mescola sapientemente tutti gli ingredienti, lascia riposare per qualche giorno, settimana o mese e, voilà, la legge di attrazione è servita!

Scherzi a parte, penso davvero di aver scritto ciò che conta.

Avviene tutto quando per prima cosa impari ad ascoltare te stessa, quando l’inconscio si manifesta alla tua parte razionale e tu lo segui. Non al contrario. L’inconscio è puro istinto ed è proprio attraverso le emozioni che si lascia scoprire. Se cercherai di convincerti che desideri una cosa ma questa non fa parte di te, o non è nella tua natura, o ancora, non sei pronta a riceverla, l’inconscio te lo dirà. Ascoltalo, perché non la otterrai  e non ottenendola rischierai solo di abbassare la tua autostima! Che ti serve invece!

Esempio: “desidero avere successo nel mio lavoro!”

Sei proprio sicura di stare facendo il lavoro adatto a te? Quello che è nelle tue corde? Se la risposta è no, la legge di attrazione non funzionerà. E se non funziona crederai inevitabilmente che non ne sei stata capace e l’autostima andrà a farsi friggere.

Autostima

 

Al contrario invece, se avrai dato retta ad una tua intuizione, sì, comincerà a funzionare. Avrai seguito l’istinto e grazie a questo comincerai a vedere qualche piccolo risultato e l’autostima crescerà. Sai che otterrai ciò che desideri perché, dopo aver avuto un’intuizione, avrai cominciato a desiderare proprio ciò che l’intuizione stessa ti ha suggerito.

Le cose belle accadono a chi è preparato a riceverle

Ti suona bene?

Certo!

Perché quando penserai sul serio di meritare qualcosa e di conseguenza la tua autostima sarà cresciuta, avrai anche un atteggiamento di apertura al mondo. E tu sai che otterrai ciò che vuoi, sia perché in fondo l’hai sempre desiderato e non hai mai smesso di crederci, sia perché ora sei pronta a riceverlo.

Ora è solo questione di tempo, ma tu hai la certezza che arriverà.

Ed ecco che aggiungerai anche le azioni al pensiero ( perché se stai ferma a guardare, diciamolo non succede proprio nulla, ma nulla nulla eh!) e la meta diventerà sempre più vicina. Ci affiancherai la forza di volontà perché appunto ci credi e non ti scoraggerai se non otterrai ciò che vuoi subito. Sarai serena.

E quando percepisci qualcosa di negativo?

Quando dico ascoltati, intendo di ascoltare anche le sensazioni negative, perché se stai facendo qualcosa che non fa per te, che ti sta stretto anche se pensavi il contrario, comincerai a soffrirne in qualche modo. L’inconscio te lo dirà anche attraverso il corpo. Per esempio, quando il mio inconscio vuole dirmi che c’è qualcosa che non va nella mia vita, mi avvisa con l’attacco di panico. Anche in questi casi l’inconscio viene in tuo aiuto.

E’ per questo che non può funzionare per tutto ciò che desideri razionalmente, funziona solo per ciò che tu non hai modo di controllare con il pensiero. Quindi rilassati, perché, o vai farti cambiare i connotati da uno bravo, oppure comincia da oggi a credere nelle tue intuizioni: l’inconscio, ripeto, si manifesta con loro.

Bisogna imparare ad ascoltare le emozioni, anche quelle negative, perché sono quelle che ti permettono di non perdere tempo su ciò che non fa per te.

Esempi di come avrebbe funzionato la legge di attrazione con me

Un esempio concreto è il paese e la casa dove abito ora.

Ho desiderato una casa come questa nel paese in cui vivo per quattro o cinque anni e non ho mai smesso di desiderarla. Il pensarla mi faceva stare bene, sapevo che quando avrei deciso, l’avrei trovata. Ed è stata una sensazione a dirmi quand’era il momento, il momento in cui sarei stata pronta ad avere quella casa nella mia vita. Ci ho messo 10 giorni a trovarla.

Altro esempio palese è il desiderio di lavorare su internet. Già dieci anni fa pensavo che un giorno avrei lavorato online. Poi con il passare del tempo mi sono resa conto di COSA volessi farci su internet. Volevo avere un sito personale, diffondere le mie esperienze, dare un conforto o semplicemente un sorriso a chi è molto simile a me. Consciamente non lo sapevo, ma il mio inconscio mi ci ha portato. In questo caso sto seguendo la mia natura perché sono una creativa pura (ce ne ho messo di tempo a capirlo) e chi l’avrebbe mai detto che sarei stata capace di creare un blog?! Invece SI! Ed ora insieme a Daniela, mandata secondo me dal destino, dall’universo (o come cavolo lo vogliamo chiamare, che intanto il senso è lo stesso), lo sto costruendo.

Sono stata spiegata?

Siamo donne, siamo le leader dell’intuizione, facciamone tesoro.

 

Lascia un commento